· 

Piccole brioche crescono!

Dopo il periodo di Natale la casa si è svuotata da dolci, panettoni, pandori e torroni. Tornando poi dalle ferie il frigorifero e la dispensa piangono miseramente. Anche il pasto più importante della giornata sembra diventare molto difficile: la colazione è magra, triste e con un contenuto di zuccheri quasi pari a zero. Non si può andare avanti così! Allora una mattina, precisamente il 6 gennaio, sono uscita e mi sono concessa una colazione al bar. "Cornetto e cappuccino, grazie", e il cassiere "Brioche e cappuccio?!". Ah sì, dimenticavo che al Nord il cappuccino è una parte di un indumento e il tanto amato dolce mattutino di pasta sfoglia sbriciolosa cambia natura diventando un pasticcino lievitato. Idea! Perché non provare a replicare questa confusione alimentare? Non mi sento ancora pronta per affrontare la difficile sfida che si nasconde dietro la realizzazione della pasta sfoglia, ma mi sento abbastanza in confidenza con gli impasti lievitati. Allora ecco a voi le mie prime brioche! Vi lascio come sempre qui sotto ricetta, procedimento e foto di questi piccole e soddisfacenti bontà.

Ingredienti (per circa 10 brioche):

  • 250 g di farina 00
  • 40 g di burro morbido
  • 50 g di zucchero
  • un pizzico di sale
  • 75 ml di latte 
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • mezzo cubetto di lievito di birra (circa 12 g)

Procedimento: 

N.B. per chi non avesse la planetaria, può impastare a mano tutti gli ingredienti in una ciotola, seguendo le stesse istruzioni. 

In una planetaria con gancio mettete farina, zucchero, lievito di birra sbriciolato, latte e fate impastare per circa 5-6 minuti. Aggiungete poi, uno alla volta, il tuorlo e l'uovo, e fate amalgamare bene. Unite un po' alla volta i pezzetti di burro ammorbidito, aspettando che il primo sia ben amalgamato prima di aggiungere il secondo e così via. Impastate per 4-5 minuti. Trasferite l'impasto su una spianatoia e lavoratelo un poco con le mani, formando una palla. Fate lievitare in una ciotola in forno spento, ma con la luce accesa, per circa 40 minuti (o anche di più se si vuole).

Riprendete poi la pasta e stendetela con un mattarello sulla spianatoia. Bisogna formare dei triangoli, non molto grandi perché lieviteranno ancora e cresceranno nuovamente durante la cottura. Procurate un piccolo taglio verticale in corrispondenza della base dei vostri triangolini e, se volete, potete mettere la vostra farcitura preferita (crema, marmellata, Nutella...) adesso (mettetela in proporzione alla grandezza del vostro triangolino) e in corrispondenza della fine del taglietto. Dopo di che potete arrotolare i vostri cornetti e dargli la tipica forma. Metteteli in una teglia e lasciateli riposare per altri 40 minuti circa.

Una volta terminata l'ultima fase di riposo, accendete il forno a 180°C e spennellate i cornetti con un poco di latte prima di infornarli. Cuocerli per 15-20 minuti a forno statico. 

Una volta cotti potete spolverizzarli con lo zucchero a velo.

Ed ecco qui il risultato! Sono davvero ottimi a colazione, veloci da fare e buoni anche il giorno seguenti, soprattutto se riscaldati al forno o nel microonde. Ora manca solo la macchina per il cappuccino per far diventare la colazione a casa come quella del bar, anzi molto meglio!

 

Buon appetito, 

Rina di Zucchero & FaRina

Scrivi commento

Commenti: 0