· 

Ricetta n.3: Biscottini ricchi

Mano a mano che vado avanti con il mio progetto mi sto accorgendo che le ricette del maestro Montersino contengono ingredienti davvero inconsueti, per lo meno per la normale pasticceria amatoriale casalinga. Leggendo la ricetta, che qui di seguito vi scrivo, mi sono un pochino spaventata per la quantità di ingredienti elencati e per la loro particolare tipologia. Bisogna infatti prendere confidenza con elementi della cucina nuova, per lo meno per me, mai usati, visti e di conseguenza acquistati prima. Facendo la spesa per realizzare questi biscottini ho notato quanto sia dispendiosa la cucina "salutare", forse questo è uno dei primi ostacoli che si incontra se ci si vuole avvicinare a questo tipo di modo di mangiare. In secondo luogo ovviamente c'è l'ignoranza. La prima ignorante in tal senso sono io.

Il motivo per cui il maestro Montersino ha dato proprio questo nome ai dolcetti sta nel fatto che la loro ricchezza non risiede nella quantità degli ingredienti contenuti, ma nei tanti benefici che si possono trarre per la nostra salute.

Ingredienti (per 110 biscottini):

  • 50 g di burro
  • 275 g di zucchero di canna
  • 100 g di albumi
  • 100 g di farina 00
  • 50 g di farina di segale
  • 50 g di farina di grano saraceno
  • 75 g di farina di grano duro integrale
  • 100 g di mandorle non pelate
  • 100 g di nocciole tostate
  • 200 g di uva passa
  • 50 g di semi di girasole
  • 15 g di germe di grano
  • 75 g di gherigli di noci
  • 40 g di semi di sesamo tostati
  • 50 g di scorza d'arancia candita a cubetti

Procedimento:

realizzare l'impasto utilizzando tutte le farine con il burro, lo zucchero di canna e gli albumi; aggiungere infine tutti i frutti e i semi (le nocciole e le mandorle macinate molto grossolanamente) e l'uva passa prima ammorbidita in acqua tiepida per 10 minuti.

Con l'impasto ottenuto formate dei filoncini, sistemateli su una placca da forno e metteteli a cuocere a 180°C per 18-20 minuti circa.

A fine cottura lasciar raffreddare e tagliarli a fettine.

 

Il trucco del pasticcere: per mantenere la morbidezza di questi biscotti chiudeteli in sacchetti ermetici e riponeteli in congelatore. Potete acquistare il germe di grano in drogheria, oppure al supermercato, dove solitamente si trova in lattine da 100 g.


Fare questi biscottini è stata un'esperienza nuova e gli odori nella cucina erano diversi dai soliti. Sono dolcetti molto nutrienti, adatti per chi fa attività sportiva intesa: possono infatti sostituire le barrette energetiche che compriamo. Il loro aspetto è molto simile agli originali e vi propongo qui di seguito le foto del risultato di questo ennesimo esperimento portato a termine.

 

Il progetto continua ad avanzare, il contatore di ricette è stato aggiornato e la soddisfazione cresce.

 

Buon appetito,

Rina di Zucchero & FaRina

Scrivi commento

Commenti: 0